L’igiene orale è l’insieme delle procedure per la rimozione di tartaro e placca batterica da denti e gengive.

Mantenere una bocca sana e pulita vuol dire ridurre il rischio di sviluppare alcune malattie, non solo della bocca.
Per questo è importante mantenere sempre una perfetta igiene orale e affidarsi con fiducia ai consigli del dentista.

Nella nostra bocca sono presenti più di 300 diverse specie di batteri.
In condizioni normali esercitano diverse funzioni benefiche che consentono di mantenere in salute la nostra bocca proteggendola, per esempio, dall’attacco di microrganismi potenzialmente dannosi quali: altri batteri non normalmente presenti nel cavo orale, funghi, virus, ecc…
Tuttavia, in determinate condizioni, quali: scarsa igiene orale, forti fumatori, malattie (come ad esempio il diabete), fattori genetici o familiari, questi stessi batteri possono causare danni anche gravi sia ai denti che all’apparato di sostegno dei denti, denominato parodonto.

Soprattutto la scarsa igiene orale favorisce il deposito di batteri che, mischiati con residui alimentari composti da saliva, calcio e altre sostanze, formano la cosiddetta placca batterica, formazione alla base dei principali processi infettivi del cavo orale.
Da anni sono noti i danni sia a livello dentale (per esempio carie) sia a livello del parodonto (malattia parodontale) causati dalla placca batterica e dal continuo depositarsi su di essa di nuove colonie batteriche.

Recentemente però si è osservato che le malattie parodontali, oltre ad essere la principale causa di perdita dei denti, determinano un aumentato rischio di sviluppare:
• malattie del cuore e dei vasi (angina, infarto, infezioni cardiache, aterosclerosi);
• nel paziente diabetico, un minor controllo della malattia;
• complicanze della gravidanza (parti prematuri, neonati sottopeso);
• malattie infettive del polmone

E’ indispensabile proteggere la salute orale per proteggere la salute generale.

Batteri, placca batterica e malattia parodontale (anch’essa legata principalmente alla presenza di batteri) possono determinare, come appena descritto, danni alla salute di denti e gengive, ma anche di organi vitali come il cuore.

Come proteggerci da questi pericoli?
Con una buona igiene orale basata su:
• un adeguato spazzolamento dei denti su tutte le loro superfici, anche quelle più interne, tramite spazzolino e dentifricio, da effettuarsi almeno due volte al giorno; si consiglia eventualmente l’utilizzo di uno spazzolino elettrico che permette uno spazzolamento più omogeneo senza compressione ed uno spazzolamento più lungo di denti e gengive senza alcuna fatica;
• utilizzo del filo interdentale per rimuovere i depositi di cibo o di placca che si incastrano tra un dente e l’altro;
• uso regolare dello spazzolino interdentale (scovolino) per pulire ancora più a fondo gli spazi tra un dente e l’altro;
• spazzolamento della superficie della lingua attraverso appositi spazzolini;
• utilizzo quotidiano di un collutorio antisettico (che agisce contro i batteri del cavo orale);
• periodiche sedute di igiene orale professionali da effettuarsi presso il vostro dentista di fiducia.

Diversi sono i collutori antisettici che sono in grado di ridurre efficacemente la carica batterica del cavo orale in soluzioni a base di:
• dequalinio;
• clorexidina;
• povidone-iodio (PVP-I);
• olii essenziali.